Manchette
sabato 3 Dicembre 2022
Manchette
Altro

    Nella fungaia anche due serre di marijuana

    ACQUAVIVA DELLE FONTI – Funghi e marijuana. L’insolito binomio è stato scoperto nelle campagne di Acquaviva dove, in due serre artigianali, avevano ricreato le condizioni ideali per coltivare piante di cannabis e mettere su uno smercio di droga. Ma i carabinieri della Stazione di Acquaviva delle Fonti e del Nucleo Operativo della Compagnia di Gioia del Colle, hanno interrotto sul più bello l’illecita attività, arrestando un 38enne pluripregiudicato e un 32enne incensurato di Cassano delle Murge.

    Gli investigatori, da alcuni giorni, erano impegnati in servizi di osservazione di una fungaia nell’agro di Acquaviva delle Fonti dove erano stati notati strani movimenti. L’altra mattina sono intervenuti sorprendendo i due giovani intenti a curare le già rigogliose piante di marijuana.
    Nelle serre avevano ricreato le giuste condizioni climatiche per la coltivazione, mediante l’utilizzo di teli in plastica con cui le avevano chiuso ermeticamente. Inoltre avevano installato umidificatori, stufe e lampade dedicate, per favorire la infiorescenza delle piante, alcune delle quali avevano già raggiunto oltre un metro di altezza.
    In totale, sono stati sequestrati circa 6 chili di marijuana, oltre ad altre piccole piante trovate in alcuni vasi in attesa di essere trapiantate. Gli arbusti e le attrezzature sono stati sequestrati. Le successive perquisizioni domiciliari a carico dei due giovani arrestati, hanno consentito di scoprire  altri 12 grammi di marijuana già esiccata, oltre a una dettagliata “contabilità su una presunta attività di spaccio.
    Entrambi, su disposizione della Procura di Bari, sono stati trasferiti nel carcere di Lecce.

    - Inread Desktop -
    - Taboola -
    - Inread Mobile -
    - Halfpage Desktop -
    - Halfpage Mobile -

    Altri articoli