Manchette
venerdì 12 Agosto 2022
Manchette
Altro

    Barletta, il giorno dopo. Cannito: «Risultato importante». Scommegna: «Ce l’ho messa tutta»

    «Non mi aspettavo un risultato così importante ma sono felice e dedico questa vittoria ai cittadini, perché hanno capito che bisognava dire basta a un certo strapotere politico in città, aumenta dunque il senso di responsabilità nei loro confronti, per loro mi impegnerò per risolvere i problemi della città». È la “promessa” del neo sindaco di Barletta, Mino Cannito, che ha ottenuto il 65% dei voti, a capo di una coalizione di centro destra composta da FI, Fdi, Lega e alcune liste civiche.

    Cannito, eletto già nel 2018, tre anni più tardi, a ottobre 2021, era stato sfiduciato in consiglio comunale da parte della sua stessa maggioranza che si era unita a Pd e Si. «Ora la città è libera e per la città dobbiamo lavorare ripartendo da dove avevamo lasciato», ha aggiunto circondato da centinaia di persone in festa fra il palazzo di città e il teatro “Curci”, improvvisando una sorta di comizio di ringraziamento, in un clima di tifo da stadio.

    Al ballottaggio Cannito aveva sfidato Santa Scommegna, la candidata del centro sinistra, coalizione che, al secondo turno, con apparentamento, aveva riunito il Pd e le liste riconducibili politicamente al presidente della regione Puglia Michele Emiliano con Si, Italia Viva e Italia in comune, che al primo turno avevano sostenuto Carmine Doronzo. Apparentamento che, considerata anche la bassa affluenza al voto, che si è fermata ieri al 43,94%, non è bastato per superare l’avversario del centro destra. «Ora la nostra attenzione sarà tutta sul consiglio comunale – ha detto Scommegna -. Io ce l’ho messa tutta, affrontando una campagna elettorale difficile con forza e passione e il mio auspicio è che in città torni un clima di serenità».

    - Inread Desktop -
    - Taboola -
    - Inread Mobile -
    - Halfpage Desktop -
    - Halfpage Mobile -

    Altri articoli