Manchette
giovedì 6 Ottobre 2022
Manchette
Altro

    Scoperta una piantagione di cannabis sull’argine dell’Ofanto: due arresti

    Una piantagione di canapa indiana, di varietà afghana, ben nascosta tra rovi di macchia mediterranea e canneti in una zona impervia lungo il fiume Ofanto è stata scoperta dai carabinieri della compagnia di Andria e del comando provinciale di Trani in collaborazione con quello dello squadrone eliportato Cacciatori Puglia.

    I responsabili, due uomini di 32 e 34 anni, all’arrivo dei militari erano intenti a curare la coltivazione con attrezzi agricoli e un sistema di irrigazione. Hanno tentato una rocambolesca fuga tra rovi e canneti ma sono stati bloccati e arrestati con l’accusa di coltivazione e produzione di sostanza stupefacente (trovate anche 23 dosi di hashish confezionate singolarmente in bustine di cellophane tenute nascoste in un pacchetto di sigarette). Uno dei due è accusato anche di detenzione ai fini di spaccio di hashish perché trovato in possesso di altri 35 grammi di droga suddivisa in dosi, già pronta per la vendita al dettaglio.

    La coltivazione, composta da 60 piante di altezza compresa tra gli 80 e 120 centimetri, che si trovava in località “La Palata” nelle campagne di Canosa di Puglia, era raggiungibile tramite un piccolo sentiero sterrato ed era munita di un sistema di irrigazione funzionante, alimentato dalle acque del vicino fiume, oltre che da un efficiente sistema di videosorveglianza composto da due telecamere, posizionate una all’interno della piantagione e l’altra sul viale di accesso della stessa, collegate direttamente tramite un’applicazione installata sui cellulari degli arrestati, che così potevano agevolmente monitorare il raccolto.

    - Inread Desktop -
    - Taboola -
    - Inread Mobile -
    - Halfpage Desktop -
    - Halfpage Mobile -

    Altri articoli