Manchette
venerdì 23 Febbraio 2024
Manchette

Sciopero generale, alta tensione Cgil e Uil-governo dopo la precettazione

(Adnkronos) – Altra tensione tra Cgil-Uil e governo dopo la precettazione ufficiale dello sciopero generale di venerdì 17 novembre, ridotto con una ordinanza del ministro dei Trasporti Matteo Salvini da 8 a 4 ore.  

Cosa accadrà, quindi, a quei lavoratori che violeranno la disposizione? “In caso di violazione, scatteranno le sanzioni previste dalla legge”, spiega oggi Salvini a ‘Libero’, aggiungendo: “Non conosco la presidente del Consiglio di garanzia, l’ho detto anche ai sindacati” ma “fanno insinuazioni contro il garante senza guardare alle ragione del suo intervento”. “È uno sciopero Pd-Cgil. Chissà se Landini si candiderà con il Pd per le europee… Vedremo”, attacca il ministro. 

”Lo sciopero generale è confermato per otto ore. Il ministro Salvini è intervenuto riducendo da otto a quattro ore soltanto per il settore dei trasporti pubblici. Valuteremo con Landini quale sarà il nostro comportamento. E chiaro che rispetto ad un atto di precettazione dobbiamo tutelare i lavoratori. Lo sciopero si farà venerdì a Piazza del Popolo a Roma. Risponderemo ad un atto di squadrismo istituzionale con una grande partecipazione alla manifestazione”, sottolinea intanto il Segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, in un’intervista a Rtl 102.5.  

“Guarderemo questa mattina il testo della precettazione, Abbiamo convocato per oggi alle 15.30 una conferenza stampa con la Uil e discuteremo su cosa fare. Per quello che ci riguarda è confermato lo sciopero per tutti i settori, ma per quanto riguarda il settore dei trasporti vedremo cosa fare senza mettere in difficoltà i lavoratori, perché con la prescrizione del governo le misure riguardano anche i lavoratori, non solo i sindacati. Viene messo in discussione il diritto soggettivo, sancito dalla Costituzione, della singola persona di poter scioperare. Non lo aveva mai fatto nessun altro governo nella storia di questo Paese. E’ di una gravità assoluta”, ha detto stamani il segretario generale della Cgil Maurizio Landini ad ‘Agorà’ su Rai Tre.  

“Non stiamo scioperando per il vezzo di scioperare ma perché le misure che sta mettendo in campo il governo peggiorano le condizioni delle persone. L’interpretazione della Commissione non sta né in cielo né in terra. Il nostro è uno sciopero generale, semplicemente lo abbiamo articolato in più giornate per favorire la partecipazione dei territori. E’ un’interpretazione che viene usata per limitare lo sciopero, ed è una logica di questa nuova Commissione, che è compiacente con il governo. Ma possono precettare finché vogliono. Non hanno ancora trovato un narcotico per rimettere in gabbia me e Bombardieri”, ha continuato il leader Cgil. 

“Non abbiamo mai sentito Salvini. A noi la lettera della Commissione di garanzia è arrivata il 9 novembre. Le dichiarazioni di Salvini sono arrivate ancora prima che noi avessimo quella lettera”, prosegue Landini. “È la posizione di Salvini o anche del presidente Meloni? Vorrei capire che cosa capire ne pensa Meloni”, dice ancora.  

“Sono mesi che chiediamo al governo di avere un confronto e non è avvenuto. Abbiamo deciso lo sciopero il 29 ottobre”, aggiunge il leader della Cgil. “Abbiamo cominciato a dirlo da luglio perché volevamo che il governo trattasse con noi. Era un preavviso. Questo sciopero è contro le politiche del governo. Se non lo facciamo adesso quando lo facciamo”. 

“La follia di questo governo”, aggiunge, è dimostrata dal fatto “che sta mettendo in discussione dei patti definiti, dei diritti che erano stati sanciti e garantiti. Queste persone hanno rispettato delle leggi che c’erano e si sono mosse di conseguenza. Oggi questo gli viene messo in discussione. Non si rendono conto dei danni che stanno determinando. La fiducia tra i cittadini e lo Stato è un elemento decisivo per far girare un Paese. Stanno rompendo questo equilibrio”.  

“E dall’altra parte stanno smantellando la sanità pubblica”, ha aggiunto Landini. “Dietro c’è un disegno politico di privatizzazione del servizio sanitario. Perché nella legge di Bilancio una parte dei soldi viene deviata sulla sanità privata”. “Sono riusciti a peggioare la Fornero”, prosegue il leader Cgil. “Hanno aumentato l’età pensionabile per tutti e non distinguono tra i lavori più pesanti e gli altri”.  

“Abbiamo esplorato tutte le possibilità interpretative e ci è sembrato che i presupposti per uno sciopero generale non ricorressero. Lo sciopero generale nazionale infatti deve riguardare la generalità delle categorie, la proclamazione cioè deve essere aperta mentre questo caso era una proclamazione chiusa perché conteneva un elenco di settori esclusi dal contrasto alla manovra del governo. Questo per assicurare al sistema una coerenza e una tenuta complessive altrimenti a partire da domani ogni confederazione farebbe una sciopero generale alla carta”. Così il Garante sugli scioperi, Paola Bellocchi, davanti alla commissione trasporti della Camera spiega il no a Cgil e Uil allo sciopero generale di 8 ore di venerdì prossimo. 

“Ogni sindacato sceglierebbero le categorie che stanno dentro, quelle che stanno fuori , introducendo una instabilità in una categoria di sciopero che ha già provocato problemi alla commissione visto che il panorama sindacale è pieno di altre sigle e di un numero notevole di scioperi generali”, continua. 

 

 

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli