Manchette
domenica 3 Marzo 2024
Manchette

L’astrologa Franca Mazzei: «Con Plutone in Acquario sarà un 2024 epocale. Per l’Ariete grande ripresa»

«Il 2024 sarà un anno epocale, grazie a Plutone, un pianeta che non ha paura di nulla ed esalta le caratteristiche del segno in cui entra. E Bari sarà ancora sotto i riflettori, perché è Gemelli, segno che ospiterà Giove, simbolo dell’abbondanza». Sono le previsioni per il 2024 dell’astrologa pugliese Franca Mazzei.

Franca Mazzei, che 2024 bisogna aspettarsi?
«Sarà un anno di svolta epocale perché, dopo 250 anni Plutone, torna in Acquario. È il pianeta più lento del sistema solare e ritorna in ogni segno ogni 250 anni. Il 22 gennaio trasloca in Acquario, dove resterà fino al 2044».

Cosa significa l’ingresso di Plutone in acquario?
«Plutone è il pianeta del potere, della seduzione, della manipolazione, dell’audacia, dell’eros, dell’inconscio, della grinta, delle paure. Ha a che fare con le nostre energie primigenie, con le nostre profondità. È un pianeta che non ha paura di nulla e va a esaltare le caratteristiche del segno in cui entra, ma proprio per le sue peculiarità ha a che fare anche con la politica».

E cosa è successo in passato?
«L’ultimo passaggio di Plutone in Acquario, nel Settecento, ha accompagnato la Rivoluzione francese e quella americana. Ha esaltato le caratteristiche dell’Acquario che hanno a che fare con la contestazione del potere assoluto e del patriarcato, portando in alto i valori dell’uguaglianza e della libertà. Si spera in questo, ma c’è un però».

Cioè?
«L’Acquario può avere anche un lato fanatico, tant’è che 250 anni prima, nel transito del Cinquecento, Plutone ha accompagnato la Santa Inquisizione e la caccia alle streghe».

A ogni modo gli aspetti positivi sono tanti?
«L’Acquario è anche il segno di Internet, della fantascienza, delle nuove tecnologie. Alcune già sono in campo, come la diffusione macroscopica dell’intelligenza artificiale».

Altre novità dal punto di vista planetario?
«Giove sarà fino a giugno in Toro, poi entrerà in Gemelli. Ma non è una novità epocale, perché questo pianeta entra in un segno ogni dodici anni».

Andiamo nel dettaglio.
«L’Ariete ha una grandissima ripresa. È un bellissimo anno per la comunicativa, i nuovi progetti e il commercio. Il Toro sta molto bene nel consolidamento degli obiettivi di lavoro, ma quelli della prima decade dovranno guardarsi le spalle proprio in ambito professionale».

E poi?
«I Gemelli di seconda e terza decade possono lanciarsi in un anno propizio all’ottimismo, all’edonismo, meno al lavoro. Per quelli della prima decade comincia un’era straordinaria di grandi ambizioni realizzate. Capitolo Cancro: tutte e tre le decadi stanno bene. E la terza si libera dopo quasi quindici anni di Plutone. È una fase evolutiva molto propizia all’autonomia, il Cancro taglia alcuni cordoni ombelicali e si riscopre più costruttivo».

Proseguendo?
«Per il Leone della seconda e terza decade un bell’anno per le amicizie vere e per i nuovi progetti, per quelli della prima, però, serve attenzione, perché c’è qualcuno che potrebbe contestare, provocare, sedurre. La Vergine della prima decade si prepara a un anno davvero tranquillo, sereno e rilassante, molto più di un difficile 2023. Quelli della seconda e della terza devono rimboccarsi le maniche e, per aprirsi al nuovo ed eliminare certe insoddisfazioni, devono avere il coraggio di tagliare con qualcosa o qualcuno».

Gli altri segni?
«Per la Bilancia è un anno eccezionalmente positivo per tutte e tre le decadi. È un anno di espansione, anche economica, e ottimismo. E per quelli della prima decade c’è pure la possibilità di un grande amore appassionato. Lo Scorpione della prima decade si potrà liberare di un carico pendente che si trascinava da un po’, ma solo a patto che voglia confrontarsi con le proprie ombre interiori. Per quelli della seconda è una fase di consolidamento in ambito lavorativo, ma anche in amore. Per quelli della terza qualcosa si rompe e qualcosa nasce».

Ancora?
«Sagittario: anno splendido per la prima decade, molto più arguto, capace di andare in profondità e di concludere buoni affari. Quelli della seconda e terza potrebbero andare incontro a qualche stress derivante da famiglia o casa, forse un trasloco, una ristrutturazione o la messa in discussione di un rapporto di convivenza, ma tutto verrà affrontato con grande lucidità. Il Capricorno sta benissimo, anche quest’anno per tutte e tre le decadi ci saranno realizzazioni professionali. E per quelli della terza anche una svolta amorosa importante».

Gli ultimi due?
«Per l’Acquario della prima decade le parole d’ordine saranno fascino, ambizione, audacia, carisma, potere. Per quelli della seconda sarà un anno propizio alla gioia di vivere, alla creatività, a figli e gravidanze. Vale anche per quelli della terza, ma nel lavoro qualcosa quest’anno potrebbe ristagnare. Infine i Pesci: finalmente per quelli della prima decade un anno di relax, molto propizio all’estro artistico, allo yoga e alla meditazione. Per quelli della seconda è tempo di lavorare a cose importanti. Lo stesso per quelli della terza, un anno di impegno che verrà premiato, ma in quanto a leggerezza non è il massimo».

Se volessimo stilare una “Top Five”?
«Ci sono molte differenze tra le decadi, ma in generale stanno molto bene l’Ariete, il Cancro, la Bilancia, il Capricorno e l’Acquario».

Per Puglia e Basilicata che 2024 sarà?
«Molti studi dicono che il Nord Italia sia Toro e il Sud Scorpione. Ci sono ancora ricerche in corso, ma alcuni dati sono certi, tra cui quello di Bari, che è Gemelli, di cui ha tutte le caratteristiche. Si respira un clima di vivacità, perché i baresi hanno la battuta facile. Negli anni d’oro c’erano tanti teatri, piccoli e grandi, e il teatro è gemellare. Così come è gemellare e insito nella città seguire le mode. E a Bari, soprattutto un tempo, c’erano i cosiddetti “topini”, che a bordo delle moto facevano gli scippi: e i gemelli è il segno dei piccoli furti. Infine, San Nicola è un santo rubato. Bari sarà ancora sotto i riflettori, perché Gemelli ospiterà Giove, che è il segno dell’abbondanza. Della Puglia si suppone che il Salento possa essere Pesci, mentre la Basilicata dovrebbe essere Vergine».

Infine, l’anno bisestile. Cosa comporta?
«Niente di più, chi è nato il 29 febbraio festeggia il compleanno (sorride, ndr)».

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli