Manchette
domenica 3 Marzo 2024
Manchette

Oggi nel teatro Piccinni ritorna il Tedx Bari. Si parlerà del bestiario

Bestiario. È il tema da cui partirà il Tedx Bari, la conferenza spettacolo più famosa al mondo che torna a far tappa nel capoluogo pugliese dopo l’ultima edizione tenutasi nel 2018. Numerosi gli ospiti nazionali e internazionali che oggi, dalle 18,30, parleranno del tema nelle sue più svariate declinazioni sul palco del teatro Piccinni, che per la prima volta nella storia ospita l’evento nel capoluogo pugliese dopo il Margherita e il Petruzzelli.

L’ultimo in ordine di tempo, annunciato ieri, il premio Nobel per la Fisica, Giorgio Parisi, che interverrà in un talk sull’instabilità del clima e che va ad aggiungersi agli ospiti già previsti, il giornalista e scrittore britannico Caspar Henderson, l’ingegnere informatico californiano, ciclista e amante degli animali Travis Nelson che porterà sul palco la sua gatta norvegese Sigrid, il divulgatore storico Rey Sciutto, lo scrittore e comico Alessandro Gori, noto anche come Lo Sgargabonzi, la dottoranda in Ingegneria chimica al Politecnico di Torino, Bruna Anzà, il romanziere e sceneggiatore Roberto Recchioni, la giornalista e inviata di guerra Elena Testi, la viaggiatrice italiana Alessia Piperno, imprigionata per 45 giorni in Iran. E ancora l’economista ed ex presidente dell’Inps Pasquale Tridico, il neuroscienziato Giulio Deangeli e la performance artistica di Vipera, al secolo Caterina Dufi, artista e cantautrice di origini salentine trasferita a Bologna.

«Come accaduto anche nelle precedenti edizioni, abbiamo puntato a una scuderia di ospiti più varia possibile. L’idea è quella di alternare ospiti che possano creare un talk più divulgativo ad altri che possano avere un approccio più performativo», ci racconta il direttore artistico del Tedx Bari, Vittorio Parisi. Ospiti importanti, in ogni caso, che permettono di affrontare i vari argomenti nelle diverse sfaccettature. «Innanzitutto dò merito al brand Ted, che è conosciuto su scala globale – ci spiega l’organizzatore dell’evento, Davide Giardino – Se devo riconoscere qualche merito alla nostra associazione, è l’aver sempre cercato di garantire uno standard di contenuti piuttosto alto nel corso degli anni, che credo abbia premiato». Anche per Parisi il Tedx Bari ha un ingrediente speciale: «Se vogliamo parlare di un “segreto”, direi il nostro gruppo, ben collaudato. Da quest’anno ci sono anche nuove persone ed energie. Alla base c’è un gruppo di amici, tra chi vive a Bari, chi in altre città italiane e chi all’estero. È sempre stata un’occasione per ritrovarsi e creare qualcosa insieme».

Molto interessante il tema scelto per l’edizione di quest’anno, il bestiario, ovvero il catalogo medievale che conteneva gli animali reali e immaginari attraverso cui gli esseri umani dell’epoca riuscivano a riconoscere i propri vizi e le proprie virtù per trarne insegnamenti morali e religiosi. «Abbiamo sempre scelto temi non troppo intuitivi e diretti, proprio per stimolare al massimo la riflessione e le domande – spiega Giardino – Partiamo dal concetto medievale per provare a stilare un bestiario contemporaneo. Un pretesto per parlare dell’altro, l’intelligenza artificiale, la robotica, tutto ciò che ci è alieno ma che è comunque qui con noi». Gli fa eco il direttore artistico, Parisi, che racconta come siano riprese le fila di un discorso interrotto nel 2020 a causa della pandemia: «Il tema del bestiario vuole partire dall’animale come punto di partenza per arrivare a esperienze, testimonianze, saperi di vario genere che ci permettano di testare i nostri limiti di esseri umani, confrontati a catastrofi naturali, crisi umanitarie e all’impatto che l’intelligenza artificiale sta avendo nel nostro quotidiano».

Una conferenza spettacolo che mira a coinvolgere il pubblico, facendo nascere negli spettatori interrogativi e domande sulle varie declinazioni dell’attualità: «L’obiettivo della nostra associazione culturale, più che dare delle risposte o schierarsi a favore o contro una tecnologia o una problematica, è proprio quello di far sorgere dei quesiti e analizzare le minacce – sottolinea ancora l’organizzatore, Giardino – Siamo consci che la tecnologia possa rappresentare progresso e portare dei benefici, ma interroghiamoci anche su cosa significhi più tecnologia». Sugli obiettivi si sofferma anche Parisi: «L’idea del Ted prevede anche la sezione di entertainment. Un po’ per gioco mi piace anche immaginare il pubblico presente in sala come i lettori dei bestiari medievali, che si lasciavano stupire dalle cose che vedevano, dalle cose anche bizzarre che vi trovavano all’interno. Per cui, oltre a trarne degli insegnamenti, spero che gli spettatori del Tedx Bari possano anche divertirsi e trascorrere una serata piacevole».

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli