Manchette
sabato 25 Maggio 2024
Manchette
- Inread Desktop -

Tu non puoi capire – Le tracce digitali

Immaginate di camminare per strada, sapendo che ogni vostro passo viene registrato, ogni conversazione ascoltata, ogni acquisto annotato. Suona come il trailer di un nuovo film distopico? Forse, ma è anche una descrizione sorprendentemente accurata della realtà digitale in cui molti di noi vivono ogni giorno.

Nell’era di Internet, la nostra vita privata sembra essere diventata un libro aperto, disponibile non solo per gli amici ma per chiunque abbia le competenze tecniche per accedervi. Ricordiamoci però che ogni interazione, transazione o comunicazione lascia una traccia digitale. Queste informazioni, se non adeguatamente protette, possono diventare vulnerabili a violazioni che mettono a rischio non solo la nostra privacy individuale, ma anche la nostra sicurezza finanziaria e personale. IBM Cost of a Data Breach Report 2023 ha evidenziato che nel 2023 oltre un miliardo di dati personali sono stati esposti a causa di violazioni informatiche. Questi numeri non sono solo statistiche fredde; rappresentano storie personali, aspirazioni e segreti di reali individui. Ogni cifra è un promemoria del crescente divario tra la nostra capacità di generare dati e la nostra capacità di proteggerli.

Un esempio di violazione, eccolo qui “Il Garante Privacy ha sanzionato per 75mila euro una Asl per non aver configurato correttamente le modalità di accesso al dossier sanitario elettronico (Dse). L’Autorità si è attivata a seguito di alcuni reclami e segnalazioni che lamentavano il trattamento illecito di dati personali effettuato tramite il sistema di archiviazione e refertazione delle prestazioni erogate dall’azienda sanitaria. In particolare, erano stati segnalati ripetuti accessi al Dse da parte di personale sanitario non coinvolto nel processo di cura dei pazienti. In un caso, una professionista della Asl era infatti riuscita a visionare gli esami di laboratorio dell’ex marito a sua insaputa pur essendo quest’ultimo non in cura da lei.” (rif Privacy Lab)

E mentre le cronache degli scandali di violazioni dei dati si susseguono una dopo l’altra, ci si chiede: siamo solo spettatori impotenti in questo show di horror digitale?

La risposta, fortunatamente, non è completamente negativa. Normative come il GDPR europeo hanno segnato un passo avanti significativo nella lotta per la privacy. Questa legislazione non solo multa le trasgressioni, ma impone anche un nuovo paradigma in cui il consenso diventa il pilastro della raccolta dei dati. Tuttavia, la legge è spesso in ritardo rispetto alla tecnologia. Ogni innovazione apre nuove porte attraverso cui la privacy può essere elusa, sfidando così i legislatori a una partita a scacchi senza fine.

La tecnologia, tuttavia, può anche essere una spada a doppio taglio. Strumenti come la cifratura end-to-end e le VPN sono diventati scudi potentissimi nelle mani degli utenti. Allo stesso tempo, la blockchain promette una rivoluzione nella protezione dei dati grazie alla sua trasparenza e immutabilità. Ma è sufficiente? La tecnologia può garantire la privacy fino a un certo punto, poi entra in gioco la consapevolezza dell’utente.

Se la privacy è una partita a scacchi, allora aziende e istituzioni sono giocatori chiave. Alcune aziende hanno abbracciato la “privacy by design”, integrando la protezione dei dati fin dalla fase di concezione dei prodotti. Questo è un inizio promettente, ma spesso la trasparenza lascia molto a desiderare. Le istituzioni, d’altra parte, devono bilanciare la protezione dei consumatori con l’innovazione, una balletto delicato tra libertà e sicurezza.

Quindi, cosa possono fare i cittadini? Iniziare con l’essere informati. Comprendere le impostazioni di privacy dei servizi che utilizziamo è fondamentale. Utilizzare password robuste, gestori di password, e attivare l’autenticazione a due fattori dovrebbe essere la norma, non l’eccezione, anche se tutto questo ci sembra seccante ed inutile! E forse, soprattutto, dovremmo imparare a essere un po’ più scettici su ciò che condividiamo online. Dopotutto, anche il castello più fortificato ha le sue falle se le porte sono spalancate e quando qualcuno entra si mette comodo ed è difficile farlo andare via, un po’ come gli ospiti indesiderati.

In conclusione, se la privacy digitale fosse un romanzo, sarebbe certamente un thriller pieno di colpi di scena. Ma questo è il nostro romanzo, e tocca a noi scriverne il finale. Mentre lottiamo per proteggere i nostri dati, forse è il momento di considerare ogni click, ogni swipe, e ogni post come un voto per il tipo di futuro digitale che desideriamo. Ironia della sorte, in un mondo dove tutti vogliono sapere tutto di tutti, forse il vero potere risiede nel mantenere un po’ di mistero. Dopotutto, un po’ di segretezza non ha mai fatto male a nessuno, giusto?

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli