Manchette
venerdì 19 Aprile 2024
Manchette
- Inread Desktop -

A Bari i giovani imprenditori di Confcommercio, Sangalli: «Qui nel segno di Ambrosi» – VIDEO

È cominciato con un ricordo di Alessandro Ambrosi, presidente di Confcommercio Bari e vice presidente nazionale dell’organizzazione, il 14esimo Forum nazionale dei giovani imprenditori aperto dal presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli.

«Questo è un forum particolare perché viene celebrato a Bari – ha affermato -, una città che ha visto protagonista per tanti anni nella vita non soltanto amministrativa, sociale ed economica, Sandro Ambrosi che è mancato lo scorso giugno».

Attraverso il Forum, ha spiegato, «viene rinnovato un impegno e una testimonianza che agiscono sui valori che Ambrosi ha profondamente seminato».

Quanto al legame fra imprenditori e territorio, Sangalli ha spiegato inoltre che «attraverso l’ultima puntata dell’Osservatorio dei giovani si nota che è sempre più stretto il legame fra le nuove generazioni di imprenditori e il loro territorio. I nostri giovani – ha concluso – dimostrano di essere pronti a guardare al futuro con grande determinazione, volontà e partecipazione».

Durante l’evento è stata presentata la ricerca “Osservatorio sostenibilità e impresa” promossa dai giovani imprenditori di Confcommercio, realizzata con il supporto di OpenDay group, che mette in luce come la sostenibilità sia sempre più centrale nelle scelte di chi fa impresa in Italia: il 90% dichiara, infatti, di volerla promuovere come parte integrante delle proprie attività.

Dalla ricerca emerge che per il 64% degli imprenditori la sostenibilità è sinonimo di riduzione dell’impatto ambientale, ma significa anche attuare iniziative per supportare il benessere fisico e mentale dei dipendenti (44%) o progettare attività di formazione e crescita professionale (42%).

Riconoscere la propria attività come sostenibile è, quindi, un obiettivo importante e il 60% del campione lo fa non solo per rispondere alle richieste esterne, ma perché è qualcosa in cui crede. C’è però anche chi si definisce non sostenibile ravvisando nei costi elevati (48%) e nella mancanza di incentivi statali (33%) i principali ostacoli.

Il documento evidenzia inoltre che, per essere dichiarata sostenibile rispetto al territorio in cui opera, un’impresa deve “rispettare l’ambiente (per il 74% del campione), sostenere i giovani del territorio (50%) e creare posti di lavoro per i residenti locali (45%). Infine, fra i criteri Esg – environmental, social e governance, ovvero i tre pilastri che devono guidare la trasformazione sostenibile delle aziende – per un imprenditore su due quello più importante è “il criterio social cioè il modo in cui l’azienda tratta la forza lavoro, affronta le tematiche aziendali della salute e della sicurezza e si relaziona con la comunità”.

L’intervento di Michele Emiliano

«Il presidente Sangalli è persona alla quale noi dobbiamo molto. Lui ha subito compreso che l’antica tradizione commerciale dei pugliesi, spesso denominata levantinismo, è in realtà un punto di forza di tutta la Regione e credo anche di tutto il commercio italiano. Discutere qui, oggi, di come si evolvono le forme del commercio, dei beni e servizi, riveste una grandissima importanza». Così il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, intervenuto al Forum sul tema “Territorio, territori”.

«In questa occasione – ha aggiunto Emiliano – ricordiamo ancora una volta Sandro Ambrosi. Il suo straordinario contributo ci manca perché il presidente della Camera di Commercio di Bari è una persona che nessuno di noi potrà mai dimenticare».

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli