Manchette
domenica 14 Aprile 2024
Manchette
- Inread Desktop -

A Giovinazzo la tappa pugliese dell’Alzheimer Fest: due giorni per condividere esperienze sulla malattia – VIDEO

I principali luoghi di aggregazione di Giovinazzo saranno aperti a tutti, senza barriere di saperi e di esperienze, per creare un raccordo e uno spazio per comunicare in occasione della tappa pugliese dell’Alzheimer Fest di sabato e domenica prossimi.

L’evento è organizzato dall’omonima associazione di promozione sociale che ha come partner scientifico l’Aip, Associazione italiana di psicogeriatria, ed è sponsorizzata da Confcooperative Sanità nazionale; nasce da un’idea di Michele Farina, giornalista del Corriere della Sera e attuale presidente dell’associazione, e Marco Trabucchi, già professore ordinario di Neuropsicofarmacologia presso l’Università di Roma Tor Vergata, specialista in psichiatria, attuale vicepresidente.

La due giorni pugliese della manifestazione a supporto di malati, familiari e professionisti impegnati nella cura della demenza si caratterizzerà per un fitto calendario di eventi, il cui programma è consultabile sul sito internet www.alzheimerfest.com.

Si tratta «di un evento estremamente importante che stimola ad avere una maggiore sensibilità su una malattia che devasta chi ne viene colpito ma colpisce in maniera determinante anche le persone che sono vicine», ha affermato l’assessore regionale alla Salute, Rocco Palese, durante la presentazione dell’iniziativa che si è svolta stamattina nella sala Di Jeso del palazzo delle presidenza della Regione Puglia.

Per l’assessora a Bilancio, Sport e Pari opportunità del comune di Giovinazzo, Vincenza Serrone, è «un evento di grande importanza che abbiamo fortemente voluto, Giovinazzo sta facendo molto dal punto di vista urbanistico perché i malati e le loro famiglie si possano sentire a loro agio. Questo fine settimana tutti i luoghi caratteristici della nostra città, dal centro storico alla piazza principale e alla villa, saranno animati per vivere con gioia questo festival, un momento di festa ma anche un’occasione per ricordare quanto ancora possiamo fare e dobbiamo fare».

L’Alzheimer Fest, ha aggiunto il professor Giancarlo Logroscino, docente di Neurologia all’UniBa, «è una festa, un approccio molto diverso a una malattia che vivono ogni giorno moltissimi cittadini e moltissime famiglie».

Sarà «un’occasione di incontro per coloro che fanno qualcosa per ogni forma di fragilità, dalla prevenzione all’assistenza», ha aggiunto Maria Pia Cozzari, presidente della società cooperativa Anthropos, organizzatrice dell’evento: «Una festa in cui si mettono in piazza le difficoltà, dove si condividono le esperienze vissute in ogni provincia, ogni paese, nei luoghi di cura e nelle case».

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli