Manchette
mercoledì 17 Aprile 2024
Manchette
- Inread Desktop -

Bari, il professor Loreto Gesualdo è il nuovo direttore scientifico dell’Istituto tumori

Il professor Loreto Gesualdo, ordinario di Nefrologia della facoltà di Medicina dell’Università di Bari, è il nuovo direttore scientifico dell’Istituto tumori “Giovanni Paolo II”.

A nominarlo il ministro della Salute Orazio Schillaci, d’intesa con il presidente della Giunta regionale pugliese Michele Emiliano. Gesualdo avrà l’obiettivo di promuovere e coordinare l’intera attività scientifica dell’Ente.

«Condividiamo convintamente la scelta del ministro, che ha identificato nel professor Gesualdo il profilo più adatto a cui affidare la ricerca nell’oncologico barese», commenta il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

Il direttore generale dell’Istituto, Alessandro Delle Donne, nel dare il benvenuto al professor Gesualdo, si dice certo «che darà un contributo fondamentale a una ulteriore crescita dell’Istituto, dopo la breve ma florida direzione del professor Massimo Tommasino. In un periodo di progressi della ricerca scientifica traslazionale e di opportunità importanti concesse dal Pnrr – aggiunge -, occorre avere visione e progettualità per consolidare il ruolo del nostro istituto nelle reti nazionali e internazionali della ricerca».

Parole di benvenuto anche dall’onorevole Gero Grassi, presidente del Civ, il consiglio di indirizzo e verifica dell’Istituto. «Il suo apporto – afferma – sarà fondamentale per l’attività dell’istituto barese, centro di riferimento per tutta la sanità pugliese».

Gesualdo, ordinario di Nefrologia, ha trascorso circa 5 anni in Università americane (Case Western Reserve University, Cleveland e University of Pittsburgh), ha 20 anni di esperienza universitaria italiana prima presso l’Università degli Studi di Foggia e successivamente presso la Università di Bari. È, inoltre, coordinatore regionale Trapianti d’organo. Ha guidato dal 1990 il suo gruppo di ricerca ottenendo finanziamenti regionali, nazionali ed europei per diversi milioni di euro, ha reclutato e formato numerosi giovani ricercatori e come direttore di Scuola di specializzazione molti specializzandi. È tra i Top Italian Scientist, macroarea Clinical Sciences, con un H-index di 73 e circa 21mila citazioni, è stato Presidente della Società Italiana di Nefrologia.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli