Manchette
venerdì 23 Febbraio 2024
Manchette

Il peso dell’inflazione sui lavori pubblici: 700mila euro in più per parco e lungomare a Bari

Anche l’amministrazione comincia a farsi i conti in tasca. L’inflazione galoppante, che sta mettendo in ginocchio famiglie e imprese, ha provocato anche l’aumento delle materie prime e, per adeguarsi al nuovo scenario economico, la giunta Decaro ha rivisto la spesa di due opere pubbliche: il restyling, con conseguente pedonalizzazione, del lungomare di Santo Spirito, e la realizzazione dell’area verde del “Parco per tutti”, a Torre a Mare, costeranno 700mila euro più del previsto. Ma, come ha spiegato l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso, queste revisioni di spesa rischiano di essere solo le prime di una lunga lista.

Per il lungomare di Santo Spirito l’aumento del prezzo delle materie prime costringe la giunta Decaro ad approvare l’aumento della spesa di mezzo milione. Ciò significa che i lavori costeranno 5 milioni di euro, rispetto ai 4 e mezzo preventivati. Per quanto riguarda quest’opera, l’amministrazione comunale ha dato l’ok anche al progetto esecutivo. I lavori approvati riguarderanno la porzione di lungomare da Torre Santo Spirito fino all’incrocio con via Udine e comprenderanno anche via Settembrini, via Reggio, via De Maioribus e via Dandolo. L’intervento contempla la realizzazione di un’area ciclo-pedonale con aree di sosta adeguatamente ombreggiate e di spazi commerciali distinti da quelli carrabili. Verranno sistemati anche nuovi elementi di pubblica illuminazione e di arredo urbano, che saranno accompagnati dalla piantumazione di nuovi alberi tamerici. L’inclusività è sicuramente la parola d’ordine del progetto: saranno realizzati, infatti, anche i percorsi “Loges-Vet-Evolution”, tracciati pedonali per non vedenti e ipovedenti caratterizzati da pavimentazione a rilievo e di diversa colorazione. La palla passa ora alla Capitaneria di porto e al Demanio, di cui si attende il parere esecutivo, e al Consiglio comunale, che dovrà approvare la variazione dell’importo progettuale. «La nuova spesa – ha spiegato Galasso – è stata approvata per allinearsi al nuovo prezzario delle opere pubbliche a seguito del rincaro dei prezzi elementari. Una volta ottenuto il parere positivo del Consiglio – conclude l’assessore – provvederemo a modificare il Piano triennale delle opere pubbliche, in modo da indire la gara d’appalto entro fine anno».

La stessa sorte è toccata al progetto del “Parco per tutti” la nuova area verde che nascerà in via Mazzini, a Torre a Mare. Secondo le variazioni di progetto e l’adeguamento dei costi al prezziario, l’importo dei fondi necessari alla realizzazione dell’opera passerà da 2.6 milioni di euro a 2.887.000 euro. La nuova area sarà recintata e accessibile da quattro punti diversi: via Mazzini, via Montegrappa, da una traversa di via Valle e Giglioli e dal lungomare Andrea Bonsante. L’intervento mira a conservare al massimo la permeabilità del terreno con la realizzazione di poche superfici e numerosi alberi ad alto fusto, arbusti e superficie a prato. «Purtroppo la procedura di adeguamento dei costi di progetto ai nuovi prezzi delle materie prime riguarderà tantissime opere pubbliche – ha spiegato Galasso – Stiamo lavorando per cercare di smaltire queste pratiche senza gravare sulle tempistiche progettuali».

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli