Manchette
martedì 16 Luglio 2024
Manchette
- Inread Desktop -

La Cassazione: «Legittimo il licenziamento di Cosentino dalla Asl Bari». Respinto il ricorso della ex dg

Il licenziamento di Lea Cosentino, ex direttrice generale della Asl Bari, fu legittimo. È quanto ha stabilito la sezione lavoro della Corte di Cassazione dichiarando “inammissibile” il ricorso proposto dalla stessa Cosentino contro la decisione presa della Regione Puglia sulla scorta di alcune inchieste giudiziarie sugli appalti nella sanità barese.

La Suprema Corte, con ordinanza, ha dunque confermato la sentenza della Corte d’Appello di Bari con cui, nel 2017, i giudici di secondo grado avevano sancito la legittimità del licenziamento da parte della Regione Puglia, ribaltando la sentenza di primo grado con la quale, nel 2015, il tribunale di Bari aveva invece dichiarato illegittimo il licenziamento e condannato la Regione a un maxi-risarcimento dei danni nei confronti di Cosentino.

Nell’ordinanza, firmata dalla presidente Annalisa Di Paolantonio, la Suprema Corte ha respinto, dichiarandoli inammissibili, tutti e sei i motivi di ricorso presentati dagli avvocati di Cosentino, condannandola anche al pagamento delle spese legali sostenute dalla Regione, assistita dall’avvocato Alberto Coccioli.

Nella sentenza di secondo grado, i giudici rilevarono “la estrema scorrettezza che ha permeato l’agire dell’avvocato Cosentino, la quale, rivestendo il delicato e rilevante incarico di direttore generale di un’importante Asl, ha partecipato con ruolo attivo ad una riunione (evidentemente non ufficiale) tra imprenditori usualmente interessati, se non coinvolti, agli appalti delle aziende sanitarie pugliesi al fine di programmare una spartizione in favore loro o di soggetti loro vicini”.

I giudici sottolinearono che “poco conta che il disegno non sia stato portato a termine: è già indice di un agire scorretto da parte di un dirigente pubblico di tale livello l’aver partecipato a una riunione di tale contenuto”.

La partecipazione a questa riunione, avvenuta in un importante hotel di Roma, per i giudici “ha certamente incrinato il rapporto di fiducia assoluta che connota l’affidamento dell’incarico di direttore generale di Asl da parte della Regione”.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli