Manchette
sabato 2 Marzo 2024
Manchette

Omicidio Rafaschieri a Bari: via al processo d’appello. Dai killer 200mila euro al fratello della vittima

Prima udienza, oggi, per il processo di secondo grado sull’omicidio di Walter Rafaschieri, commesso il 24 settembre del 2018 nel quartiere Carbonara di Bari.

Il processo è cominciato oggi nella Corte d’assise d’appello del capoluogo pugliese.

In primo grado, in abbreviato, furono condannati rispettivamente all’ergastolo e a 20 anni di reclusione Giovanni Palermiti (figlio del boss del quartiere Japigia, Eugenio) e Filippo Mineccia, considerati gli autori materiali del delitto, mentre la condanna a 9 anni e 4 mesi fu inflitta al collaboratore di giustizia Domenico Milella, accusato di concorso nell’omicidio.

Altri sette furono condannati a pene tra un anno e due mesi e 18 anni di reclusione, tra cui l’ex comandante della polizia locale di Sammichele di Bari, Domenico D’Arcangelo, condannato a 5 anni con l’accusa di aver aiutato Palermiti a costruire un falso alibi.

L’udienza è stata rinviata al 22 maggio perché il legale di Palermiti, Raffaele Quarta, ha fatto sapere che ieri, nel corso di un interrogatorio con i pm su un’altra vicenda, il suo assistito ha reso dichiarazioni relative anche all’omicidio Rafaschieri. Nella prossima udienza verrà deciso se acquisire o meno quelle dichiarazioni.

Nell’agguato rimase gravemente ferito il fratello della vittima, Alessandro, che – a quanto si è appreso – sarebbe stato risarcito da Palermiti e Minecca con 200mila euro per quanto commesso.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli