Manchette
venerdì 23 Febbraio 2024
Manchette

Prevenzione del tumore al seno: al Di Venere di Bari attiva la mammografia con mezzo di contrasto

All’ospedale Di Venere di Bari è attiva la mammografia con mezzo di contrasto. La metodica definita Cem (Contrast-enhanced mammography) è una indagine di secondo livello avanzata, impiegata per individuare lesioni neoplastiche della mammella e garantisce immagini di alta precisione.

La Cem è una valida alternativa alla risonanza magnetica per quasi tutti i casi, tranne nello studio delle protesi e delle patologie quali papillomatosi, oltre a essere molto più tollerata dalle pazienti, vista la rapidità dei tempi di esecuzione.

Dopo il San Paolo, la Asl Bari raddoppia così l’offerta assistenziale per quanto riguarda le diagnosi di tumori maligni al seno nell’ambito dello screening, fornendo risposte più veloci alle pazienti che si rivolgono ai centri senologici dell’azienda sanitaria per aderire ai programmi di prevenzione gratuiti.

La Cem consiste nella somministrazione di mezzo di contrasto iodato nel corso di una mammografia ad alta e bassa energia: a distanza di due minuti dalla somministrazione del liquido, il software elabora delle immagini e riscontra le lesioni patologiche.

«La mammografia con contrasto – spiega la dottoressa Alessandra Gaballo, responsabile Uosvd Screening e Radiodiagnostica senologica dell’ospedale Di Venere – si esegue quando, una volta individuata una lesione, è necessario capire quanto è grande e se ci sono noduli satelliti che possono sfuggire all’occhio umano in modo tale da dare al chirurgo uno studio preliminare accurato. L’esame – conclude Gaballo – serve anche a dirimere i casi dubbi».

I tumori maligni hanno una vascolarizzazione autonoma, il mezzo di contrasto ristagna per qualche minuto nella lesione e l’apparecchiatura, con cui si procede a questo tipo di mammografia, permette di evidenziare la posizione e la dimensione del tumore stesso.

A differenza della risonanza, per la quale restano determinate indicazioni, la mammografia con contrasto permette una più agevole posizione della donna che rimane in piedi durante l’esame: tale posizione aiuta anche il medico nella analisi della mammella, che, spesso, nella posizione sdraiata, può ostacolare l’osservazione. L’esito e la refertazione sono immediati.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli