Manchette
domenica 3 Marzo 2024
Manchette

Andria dice addio all’ex assessore Michele Giorgio: «Sempre in ombra per gli altri»

Una vita dedicata all’altruismo e al servizio, giunta al termine dopo una terribile e breve malattia: è morto ieri Michele Giorgio, una colonna portante nella comunità andriese, all’età di 81 anni. Nato a Minervino Murge e trasferitosi giovanissimo ad Andria, geometra di professione, ha prestato il suo servizio in qualità di funzionario ospedaliero al Policlinico di Bari.

Una lunga carriera politica culminata, dagli anni ’80, nelle cariche di consigliere comunale e di assessore nelle amministrazioni guidate da Vincenzo D’Avanzo e Riccardo Terzulli: in quegli anni, ha dato un fattivo contributo soprattutto nei settori dei lavori pubblici e della pubblica istruzione, quando iniziarono ad Andria i lavori per la costruzione di diverse scuole superiori.

Anche nell’ambito sociale si è distinto ricoprendo ruoli di rilievo, tra cui la presidenza dell’Associazione Invalidi, e collaborando con organizzazioni come l’Anspi (Associazione Nazionale San Paolo Italia per gli oratori e i circoli giovanili) e all’interno delle parrocchie cittadine. Il coinvolgimento nelle iniziative sociali ha evidenziato la sua volontà nel promuovere il benessere dell’intera comunità. É stato apprezzato socio fondatore dell’associazione Insieme per l’Africa fornendo un valido supporto alle attività messe in campo.

Tra i ricordi, spicca quello dell’impegno per l’Auditorium “Mons. Di Donna”, sulla cui pagina social si legge: «Oggi ci fermiamo un attimo. Questo auditorium deve molto all’impegno costante di Michele che ha sempre guardato oltre, ha sempre visto in questo spazio un potenziale, ha messo tutte le sue forze per far sì che oggi Andria avesse questo spazio culturale». Ancora, don Alessandro Chieppa: «Sempre in ombra, perché l’altro, il nuovo, il giovane potesse fare un passo in avanti. Grazie, Michele, per quanto mi e ci hai insegnato con il tuo esempio e le tue parole sagge, per il sostegno che mi hai dato nel mio giovane ministero. Hai amato la tua comunità mostrandoci che c’è più gioia nel dare che nel ricevere. Grazie dello spazio, del tempo, delle opportunità che hai saputo dare, facendo passo indietro».

Lascia la moglie Maria Rosaria Inversi, professoressa storica e attualmente presidente di Unitre presso cui egli stesso aveva portato avanti numerose iniziative di formazione e culturali, e tre figlie: Mariangela, Annalisa e Francesca. I funerali saranno celebrati oggi alle 16 presso la Parrocchia del Santissimo Sacramento.

Anche la sindaca Bruno ha voluto esprimere il suo cordoglio alla famiglia. «La Città di Andria piange un altro suo figlio, Michele Giorgio. Già amministratore della nostra comunità nei ruoli di consigliere ed assessore, sempre disponibile, signorile nei modi e nei toni. Uomo di dialogo, di equilibrio e di pazienza. Uomo anche di mediazione, all’occorrenza. Convinto assertore delle potenzialità di crescita culturale e umana della sua città natale, non ha mai fatto mancare il suo apporto con proposte, idee, iniziative. Sempre attivo sui temi sociali e protagonista di varie forme di associazionismo, da ultimo anche all’interno dell’UniTre, a fianco dell’amata consorte Maria Rosaria Inversi, che ne è Presidente».

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli