Manchette
sabato 13 Aprile 2024
Manchette
- Inread Desktop -

Decarbonizzazione, comunità energetiche e sviluppo: la Puglia al Meeting per l’amicizia tra i popoli di Rimini – VIDEO

La Regione Puglia, con uno stand istituzionale di 100 metri quadrati – curato da Pugliapromozione in collaborazione con il dipartimento allo Sviluppo economico, Aqp e la Comunicazione istituzionale dell’Ente – è protagonista al 44esimo Meeting per l’amicizia fra i popoli organizzato da Comunione e Liberazione in corso a Rimini da oggi al 25 agosto.

Nel corso della giornata inaugurale è intervenuto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha ricordato l’impegno sulla decarbonizzazione dell’ex Ilva di Taranto facendo appello all’Unione europea affinché non definanzi dal Pnrr il progetto della società Dri (Direct Reduced Iron).

Rispondendo alle domande dei giornalisti, Emiliano ha poi affermato che «Puglia e Campania impugneranno la delibera del Cipes che vieta l’uso per la parte corrente dell’Fsc (Fondo sviluppo e coesione), come invece prevede la legge. Quel Fondo – ha aggiunto – è sempre stato messo a disposizione delle regioni del Sud e normalmente era usato per supplire alla scarsità dei bilanci ordinari nei confronti del Mezzogiorno».

Il presidente della Regione ha spiegato che il Fondo sviluppo e coesione «è essenziale per completare le politiche di coesione: in Puglia consentirebbe a oltre cinquemila imprese di partire con investimenti già definiti. Il governo ha purtroppo annunciato di volere impedire l’uso dell’Fsc per la parte corrente, mischiando, come diciamo noi in Puglia, fave con scorze: mettendolo, cioè, insieme con il Pnrr, che è invece una operazione solo finanziaria fatta per evitare che il bilancio dello Stato subisse danni irreparabili. Siamo preoccupati di queste intenzioni che contraddicono le leggi in vigore. Il Cipes ha preso una decisione in contrasto con la legge istitutiva dei fondi».

Emiliano ha incontrato il presidente della Conferenza episcopale italiana (Cei) cardinale Matteo Maria Zuppi ringraziandolo per il supporto di idee e di vigilanza che la Cei offre alle regioni e ai comuni italiani nello svolgimento delle loro attività istituzionali. Ha poi aggiunto che la Puglia, terra di San Nicola, di dialogo ecumenico e interreligioso, è a totale disposizione della azione di Pace svolta da Papa Francesco e da lui stesso con spirito di fratellanza con i popoli coinvolti nel conflitto russo ucraino.

Al meeting dell’amicizia di Rimini nel pomeriggio si è parlato anche di energia ed in particolare di “Comunità energetiche e povertà energetica: la democratizzazione dell’energia”, tema al centro del convegno a cui insieme al presidente Emiliano, hanno partecipato Fabrizio Iaccarino, responsabile Sostenibilità e Affari istituzionali Enel Italia; monsignor Filippo Santoro, arcivescovo emerito di Taranto, delegato speciale del Santo Padre per i Memores Domini; Mario Antonio Scino, capo di gabinetto del Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica e moderato da Giuliano Frosini, Docente Luiss Business School.

«La Regione Puglia – ha affermato Emiliano – persegue da tempo una politica energetica a km zero: dalla produzione da fonti rinnovabili per la quale siamo primi in Italia (su fovoltaico ed eolico) al sostegno finanziario del reddito energetico per l’autoconsumo. Questa ultima misura, considerata dalla Commissione europea come una buona prassi, consente alla famiglie a basso reddito di istallare impianti di produzione da fonti rinnovabili presso le proprie abitazioni per fruire dell’energia prodotta, quella in eccesso è rivenduta dalla Regione alla rete ed il ricavato alimenta altre installazioni».

Il governatore pugliese ha quindi parlato di #mareasinistra, l’iniziativa della Regione per attrarre e valorizzare nuovi talenti. «Sull’attrattività economica della Puglia parlano i dati», ha aggiunto Gianna Elisa Berlingerio, direttrice del dipartimento dell Sviluppo economico: «Oltre 8 miliardi di investimenti delle imprese, sostenuti con fondi regionali, nell’ultima programmazione hanno generato in Puglia una dinamica positiva che ha portato nel solo 2022 ben 60mila nuovi occupati, una incidenza superiore alla media italiana. Intorno a questa realtà occorre oggi fare il punto sugli elementi dell’ecosistema favorevoli all’attrazione delle persone e su quelli che necessitano di soluzioni innovative: questo è lo scopo dell’ampio processo di scrittura condivisa della strategia #mareasinistra».

Il direttore della Comunicazione istituzionale, Rocco De Franchi, ha annunciato che «da oggi è attivo sul portale Pugliapartecipa (http://rpu.gl/nTUsbi) il percorso partecipativo che raccoglie i contributi di tutti sulla strategia regionale #mareasinistra».

Il direttore di Pugliapromozione, Luca Scandale, ha evidenziato come «la presenza dell’Agenzia regionale per il Turismo a Rimini, un appuntamento che l’anno scorso ha richiamato circa 800mila persone, sia importante non solo per mostrare le nostre bellezze turistiche, ma grazie alla collaborazione con Aqp, Sviluppo economico e Comunicazione istituzionale, sia anche capace di promuovere il brand Puglia che integra turismo, economia, nuovi posti di lavoro e sviluppo del territorio».

Al termine del convegno, Emiliano ha visitato lo stand del Ministero degli Affari esteri e Cooperazione internazionale, nell’ambito del quale numerosi sono i progetti presentati dal Ciheam Bari. È stata un’ulteriore occasione per dialogare con i rappresentanti ministeriali della strategia #mareasinistra, che ha tra i suoi obiettivi di sviluppo anche il rafforzamento delle relazioni nel Mediterraneo.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli