Manchette
sabato 15 Giugno 2024
Manchette
- Inread Desktop -

Dimensionamento scolastico, Leo incontra i sindacati e promette battaglia: «Facciamo fronte comune»

«La Puglia resisterà con forza ad una politica che vuole accorpare le scuole senza alcuna reale riflessione, che non tiene conto della natura articolata della scuola, delle esigenze delle regioni, dei territori, della voce delle persone che noi in qualità di assessori rappresentiamo». Così l’assessore all’Istruzione della Regione Puglia, Sebastiano Leo, a margine di un incontro che si è tenuto questa mattina con i rappresentanti dell’Ufficio scolastico regionale e le organizzazioni sindacali del comparto scuola per un confronto sul dimensionamento scolastico previsto dal Governo nazionale, che porterebbe alla chiusura di 60 scuole in Puglia nell’arco dei prossimi due anni.

Uno scenario che dalla Regione definiscono “preoccupante” che avrebbe impatti pesantissimi in tutto territorio. Per questo la stessa Regione annuncia battaglia e avvia le procedure per impugnare davanti alla Corte Costituzionale il provvedimento contenuto nella Legge di Stabilità 2023.

Le organizzazioni sindacali hanno condiviso la forte e netta opposizione dell’assessore Leo, esprimendo pieno sostegno alla strada del ricorso, strada intrapresa anche dalla Regione Campania e probabilmente anche da altre regioni.

La perdita di circa 60 autonomie scolastiche e dei corrispondenti posti di dirigente scolastico e direttore dei servizi generali e amministrativi, oltre che di docenti e personale Ata, non è sostenibile per un territorio regionale complesso e fragile come quello pugliese che esprime esigenze di presidio costante del territorio del servizio di scuola statale. In tal modo si accentuerebbe l’elevato indice di dispersione scolastica già a livelli preoccupanti e non più sostenibili.

«L’autonomia didattica non è un diritto su cui si può trattare – prosegue Leo -, non si tratta sul futuro dei ragazzi, non si tratta sul futuro dei lavoratori, non si tratta sull’unico strumento di democrazia reale: la scuola. È stata la nostra più grande conquista, perché solo con l’istruzione si garantisce il futuro possibile per tutte e tutti, e noi su questo non intendiamo trattare. Non torneremo indietro ad un sistema sempre più privato. La pandemia ha avuto l’unico merito di farcelo capire concretamente: la scuola e la sanità sono gli unici due diritti della nostra società di cui non possiamo fare a meno. Gli unici su cui non si può trattare» conclude l’assessore regionale all’Istruzione.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli