Manchette
venerdì 23 Febbraio 2024
Manchette

Operaio foggiano trovato morto a Piacenza: fermato il coinquilino pugliese

C’è un un fermo per la morte di Paolo Troccola, operaio 57enne originario di Deliceto, in provincia di Foggia, trovato privo di vita nell’abitazione che condivideva con altri due uomini, entrambi pugliesi, a Piacenza. Uno dei due, un 21enne, è stato arrestato dai carabinieri.

Il 57enne, trovato morto giovedì sera, pare sia morto a causa di una profonda lesione alla carotide: è stato trovato dai sanitari del 118 riverso sul pavimento dell’abitazione che condivideva da tempo con altri colleghi, che insieme formavano una squadra tecnica di intervento e di manutenzione delle strade della zona. Per lui non c’era più nulla da fare, era morto dissanguato, ma sul corpo vi erano anche altri tagli e forse segni di trauma.

Il suo cadavere è stato scoperto poco prima delle 22, steso di fianco a una vecchia porta a vetri che era in frantumi, e alcune schegge di vetro pare fossero penetrate nelle ferite che aveva sul corpo.

In un primo momento si è subito ipotizzato un tragico e fatale incidente domestico: l’uomo potrebbe essere accidentalmente caduto contro la porta ed essersi tagliato mortalmente.

All’arrivo dei carabinieri della stazione di Rivergaro, però, alcuni elementi hanno dato vita ai primi sospetti: dettagli, discordanze e altri piccoli particolari raccolti sulla scena che hanno convinto la Procura della Repubblica di Piacenza ad aprire un fascicolo per omicidio volontario, portando nel giro di poche ore anche al fermo di un ragazzo di 21 anni, collega di Troccola, e che viveva in quell’appartamento insieme a un terzo uomo, che risulterebbe a sua volta indagato a piede libero per favoreggiamento.

Il giovane operaio, prima dell’arresto, è stato interrogato a lungo in caserma dai carabinieri di Rivergaro, mentre i colleghi del nucleo investigativo di Piacenza e quelli del nucleo operativo di Bobbio hanno effettuato tutti i rilievi scientifici in quella casa. Poi sono arrivati i sigilli alla porta e l’appartamento è stato posto sotto sequestro.

Pare che il 21enne abbia riferito di essere rientrato a casa e di aver trovato il collega già morto sul pavimento, e di aver chiamato subito i soccorsi. Intanto, probabilmente già lunedì o martedì, parallelamente all’interrogatorio di convalida con il gip, in Tribunale a Piacenza, del giovane che è finito in carcere, verrà effettuata anche l’autopsia sulla salma del 57enne: un esame dal quale i magistrati piacentini (il titolare dell’indagine è il sostituto procuratore Matteo Centini) si attendono già risposte importanti sulle cause e i tempi della morte dell’operaio. Ancora un mistero invece, al momento, se e chi dei colleghi si trovasse in casa quando Paolo Troccola è morto.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli