Manchette
giovedì 25 Luglio 2024
Manchette
- Inread Desktop -

Il tributo del Bif&st ai registi iraniani. L’appello di Maya Sansa: «Sosteniamo le proteste attraverso i social»

Sarà consegnato stasera, anche se solo virtualmente, il Federico Fellini Platinum Award a Jafar Panahi, regista iraniano che il Bif&st 2023 ha voluto omaggiare con la proiezione, ieri sera, del suo film “Il cerchio”.

Il tributo al cinema iraniano è proseguito, poi, stamattina con “Leila e i suoi fratelli” di Saeed Roustaee, Premio Fipresci all’ultimo Festival di Cannes.

Entrambi i registi avrebbero dovuto essere a Bari in occasione del festival ma, per quanto riguarda Roustaee, «non ha avuto il permesso di uscire dal Paese», ha spiegato il direttore del Bari International Film&Tv Festival, Felice Laudadio. «Era già stato imprigionato tempo fa ma, essendo molto popolare e a seguito degli appelli da parte di tanti cineasti e intellettuali di tutto il mondo, è stato poi liberato ma privato del passaporto», ha affermato.

Senza passaporto è anche Jafar Panahi. A lui è stato conferito il Federico Fellini Platinum Award che stasera gli sarà consegnato virtualmente al Petruzzelli dal regista Premio Oscar Volker Schlöndorff. «Gli avevamo anche chiesto se fosse stato possibile averlo in un collegamento video, tramite whatsapp, Skype o altro ma lui mi ha risposto: “Non posso, voi capirete perché”. Penso che questo dica tutto», ha aggiunto Laudadio.

«Il tributo del Bif&st è comunque non solo a Panahi ma al cinema iraniano tutto che in molti, tra noi critici, consideriamo il più importante del mondo, l’unico che si rifà esplicitamente al neorealismo italiano», ha affermato il direttore sottolineando anche l’attenzione del Bif&st ai diritti umani.

A tal proposito è stato Hassan Nazer, intervistato da David Grieco, ha raccontare la sua esperienza: «Sono uscito dall’Iran nel 2000 e mi sono trasferito in Inghilterra per dedicarmi alla mia creatività. I cineasti in Iran sono una delle categorie più vulnerabili perché fanno cultura e la cultura, nel mio Paese, è sottoposta a restrizioni. Io sento oggi la responsabilità di essere una voce per i miei colleghi connazionali. Lo stesso mio ultimo film è un tributo al cinema italiano e ai suoi grandi registi».

“C’è da sperare su un cambio di regime?”, gli ha chiesto Grieco. «L’unica cosa effettivamente è sperare. Non posso nemmeno provare a indovinare cosa accadrà perché ci sono troppe situazioni complesse in Iran, io non riesco neppure a stare appresso a tutto quello che accade. Quello che so è che il nostro movimento è in pericolo, la nostra stessa vita è in pericolo. Ogni volta che entro in Iran, da quando tempo fa mi è stato dato il permesso di entrare, avverto una sensazione di paura. Non resta che ciascuno faccia la sua parte, dai cineasti agli studenti».

Sanaz Sohani, mediatrice culturale, intervenuta come rappresentante della comunità iraniana in Puglia ha ricordato come nel film appena proiettato si vede quanto sia importante il ruolo della donna all’interno della famiglia. «Pensate, quindi, quanto possa esserlo nella società!».

Solidarietà ai suoi colleghi iraniani ha espresso anche Marco Bellocchio: «Noi registi italiani e più in generale europei siamo dei privilegiati – ha osservato -. Subiamo anche noi condizionamenti nel nostro lavoro ma non certo ai livelli cui sono costretti i cineasti iraniani di cui ammiro il coraggio di proseguire a lavorare in condizioni così difficili. Io penso che quello che possiamo fare noi è prendere ad esempio il loro coraggio e fare per bene il nostro lavoro».

Sul palco anche Maya Sansa, figlia di un iraniano che si è trasferito in Italia: «Per anni ho chiesto a mio padre di portarmi a visitare il suo Paese ma lui per molto tempo non ha voluto, soprattutto dopo che ho iniziato a fare l’attrice. Era per proteggermi, aveva paura. Finalmente a 27 anni sono riuscita ad andare a conoscere la mia famiglia d’origine e ho scoperto un paese meraviglioso, dove le persone sono colte e libere quando sono tra le mura delle loro case. Io credo che si debba continuare a sostenere le proteste in atto in Iran soprattutto utilizzando i social, gli hashtag, citando i nomi e le parole chiave più popolari finché i Guardiani della Rivoluzione non verranno finalmente riconosciuti come terroristi».

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli