Manchette
lunedì 26 Febbraio 2024
Manchette

Gestivano spiagge pubbliche in maniera privatistica con estorsioni e minacce: in 4 nei guai a Otranto

Avrebbero gestito in maniera privatistica un tratto di spiaggia libera nel Comune di Otranto: quattro persone sono state rinviate a giudizio con le accuse di minacce, estorsioni, occupazione abusiva di suolo demaniale reiterata, gestione illecita di rifiuti non autorizzata e resistenza a pubblico ufficiale.

Le indagini sono state condotte dalla Guardia costiera di Otranto a seguito di alcune denunce dei fruitori di quel tratto di arenile.

A seguito delle denunce i militari effettuarono un primo sequestro di materiali da spiaggia e di un container, apposto abusivamente sul demanio marittimo.

Gli inquirenti scoprirono un vero e proprio meccanismo di gestione illecita di quel tratto di pregio dell’arenile idruntino.

Nel corso delle indagini è inoltre emerso che i quattro avrebbero più volte compiuto veri e propri atti intimidatori, volti a scoraggiare i “concorrenti”, ossia i titolari di regolari concessioni demaniali marittime e i soggetti legati al settore pubblico anche a scopo benefico, per non vedersi intralciati.

Non solo: gli investigatori, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica, hanno scoperto che i rinviati a giudizio avrebbero estorto cifre ai concessionari di aree limitrofe per vigilare sui beni di quelle concessioni ed evitare che questi subissero ulteriori danneggiamenti rispetto a quelli già patiti in passato.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli