Manchette
mercoledì 22 Maggio 2024
Manchette
- Inread Desktop -

Sant’Oronzo torna in piazza abbracciato da tanti leccesi: la statua vicino al Sedile

È tornata nella sua piazza, accompagnata dalla banda Città di Lecce, la copia della statua di Sant’Oronzo che è stata momentaneamente sistemata vicino al Sedile.

Ad accoglierla, tra l’emozione generale, il sindaco Carlo Salvemini, l’arcivescovo metropolita Michele Seccia e tanti leccesi. Domani, alle 12, la statua sarà issata sulla colonna romana e alle 12.30 tutte le campane delle chiese cittadine suoneranno a festa.

«Che giornata indimenticabile. Sant’Oronzo è tornato, dopo cinque anni nei quali ci siamo presi cura della statua originale e della colonna, entrambe restaurate, e realizzato la nuova statua che oggi ha viaggiato fino alla piazza dei leccesi. Resterà davanti al Sedile fino a sabato mattina quando, con una cerimonia solenne, dopo la benedizione del nostro arcivescovo, sarà ricollocata sulla colonna per vegliare sulla piazza e sulla città. Oggi è un giorno che resterà nella memoria di Lecce perché Sant’Oronzo c’era, c’è e ci sarà, nel futuro della città, nel cuore della comunità unita», dichiara emozionato il sindaco Carlo Salvemini.

«Stiamo vivendo giorni di intensa devozione per la nostra città e per la nostra diocesi. Il ritorno della copia della statua di Sant’Oronzo sulla colonna romana della piazza che Lecce, nei secoli, ha intitolato al suo patrono, al di là dei riflessi storici e delle risonanze popolari, diventa per noi credenti una nuova opportunità per una feconda riscoperta delle radici cristiane della nostra terra, del popolo del Salento e, con ogni probabilità, anche della gente di Puglia», afferma l’arcivescovo Michele Seccia.

La realizzazione della copia della statua di Sant’Oronzo, alta 5,10 metri e realizzata in bronzo con la tecnica della fusione a cera persa, ha richiesto un anno intero di lavoro, dall’affidamento del progetto esecutivo validato dalla Soprintendenza fino alla consegna perché, per stessa ammissione della famiglia Del Giudice della fonderia Nolana, si è rivelata più laboriosa e complessa del previsto per via della ricchezza decorativa, soprattutto dei paramenti del Santo. All’inizio si prevedevano tempi più brevi.

Ospiti d’onore della cerimonia di sabato saranno tutti i donatori e le donatrici che, attraverso lo strumento dell’Art Bonus, hanno contribuito a raccogliere la somma di 240.630 euro.

Oggi, alle 18.30, nella sala Open Space del Comune di Lecce in piazza Sant’Oronzo, si terrà una conferenza. Il professor Casciaro, docente di Museologia e Critica artistica e del Restauro, parlerà della nuova statua, della storia dell’originale simulacro settecentesco, delle sue vicissitudini conservative e dei motivi per i quali non è potuto tornare sulla sua colonna.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli