Manchette
domenica 3 Marzo 2024
Manchette

Sparò per gioco a un frigorifero e uccise un pastore: condanna annullata per un imprenditore Salentino

La Corte di Cassazione ha annullato, con rinvio, la condanna a 21 anni e quattro mesi di reclusione inflitta a Giuseppe Roi, imprenditore agricolo 42enne di Copertino, ritenuto colpevole dell’omicidio volontario, con dolo eventuale, di Qamil Hyraj, pastore albanese che era alle sue dipendenze.

Hyraj, 23enne, fu ucciso da un proiettile che lo colpì alla fronte il 6 aprile del 2014 nelle campagne di Porto Cesareo, località Torre Castiglione.

Secondo l’accusa, l’imputato sparò con una pistola calibro 22 mentre giocava al tiro al bersaglio contro un frigorifero abbandonato nei pressi di una casa di campagna, dove il 23enne aveva portato il gregge.

La Cassazione ha trasmesso gli atti alla Corte d’assise d’appello di Taranto affinché valuti l’elemento psicologico del reato perché la difesa ha sempre sostenuto che si è trattato di omicidio colposo, inoltre – a quanto riferisce la difesa – il reato relativo alla detenzione delle armi è stato ritenuto definitivamente prescritto.

La difesa è rappresentata dagli avvocati Francesca Conte e Roberto Sisto. La parte civile da Ladislao Massari.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli