Manchette
domenica 21 Aprile 2024
Manchette
- Inread Desktop -

Migranti, Emiliano a Bruxelles: «Su.Pr.Eme è la dimostrazione che i flussi si possono gestire» – VIDEO

«Il progetto Su.Pr.Eme dimostra che non è vero che non esistano idee e azioni politiche intelligenti per gestire i flussi migratori». Così il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a margine di un incontro, che si è svolto a Bruxelles nell’ambito della European week of Regions and Cities, durante il quale è stato presentato il progetto che ha messo insieme cinque Regioni del Sud Italia che hanno collaborato per individuare strategie per l’accoglienza e «immaginare la formazione linguistica, legale, sociale delle persone che sono arrivate nel nostro Paese».

Grazie a Su.Pr.Eme, ha evidenziato Emiliano, è nato «un esperimento che noi consideriamo unico in Europa: Casa Sankara a San Severo, un’azienda agricola della Regione Puglia che era abbandonata, data in gestione con un piccolo sostegno di parte pubblica a migranti che erano già stabilmente in Italia e che l’hanno trasformata in un luogo dove l’accoglienza viene effettuata attraverso il lavoro agricolo che contribuisce a finanziare la struttura». In una seconda fase, poi, è stata realizzata «una vera e propria struttura imprenditoriale in grado di vendere i prodotti agricoli. Il pomodoro lì raccolto è presente nella grande distribuzione».

È stata, insomma, «una dimostrazione di come regolando i flussi e avendo chiaro il numero di persone che si possono accogliere è possibile attraverso la creatività e l’intelligenza, soprattutto delle Regioni, costruire una politica di accoglienza che non sia fallimentare come quella che purtroppo stiamo vivendo attualmente nel nostro Paese», ha concluso il presidente della Regione Puglia.

Il principale obiettivo del progetto, che ha visto come capofila il ministero del Lavoro e come coordinatrice la Regione Puglia, è stato la realizzazione di un Piano straordinario integrato di interventi a contrasto e superamento di tutte le forme di grave sfruttamento lavorativo e di grave marginalità/vulnerabilità insistenti nei territori delle cinque Regioni del Sud: Puglia, Calabria, Basilicata, Sicilia, Campania.

«Le cinque Regioni – ha dichiarato Roberto Venneri, segretario generale della presidenza della Regione Puglia – hanno unito le loro forze per combattere la piaga del caporalato e per assicurare una dignitosa accoglienza ai lavoratori e ai migranti. Il programma, che ha visto la partecipazione anche del terzo settore e delle Ong, si caratterizza per un approccio multilivello e multifondo. Questo ha garantito una forte sussidiarietà fra il partenariato che ha assicurato il raggiungimento dei risultati».

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli