Manchette
venerdì 23 Febbraio 2024
Manchette

Puglia, dalla Regione 380mila euro per promuovere le politiche di genere nei Comuni – VIDEO

GENEREinCOMUNE è l’iniziativa, promossa dalla Sezione regionale per l’attuazione delle Politiche di genere, che vedrà impegnate Regione Puglia e Anci Puglia nel fornire a 60 Comuni un supporto strategico e operativo per promuovere la diffusione delle politiche di genere nelle azioni di governo territoriale.

L’intervento è finanziato con un contributo regionale di 380mila euro e prevede l’individuazione dei Comuni tra quelli che abbiano già istituito organi ed uffici di parità, che intendono avviare progetti sperimentali finalizzati alla formazione e all’aggiornamento professionale dei loro dipendenti e all’adozione di concrete azioni di sistema, come la valutazione di impatto di genere nelle delibere comunali o la creazione di una banca dati sulle disuguaglianze di genere.

L’avviso pubblico, che uscirà il 31 gennaio prossimo e sarà adottato da Anci Puglia, «si inserisce nel percorso dell’Agenda di genere della Regione Puglia», spiega la consigliera del presidente Michele Emiliano per l’attuazione del programma di governo, Titti De Simone. È «frutto di un percorso fatto insieme per promuovere azioni di sistema a livello territoriale, comunale o di unioni di comuni, sul tema parità di genere – prosegue -. È un progetto pilota che coinvolgerà un numero importante di comuni pugliesi, sessanta, per sperimentare e mettere in campo attività di formazione, relative ai temi del gender gap, e azioni di sistema per rafforzare le linee di programmazione sulle politiche di genere», conclude.

«Con questa collaborazione tra Anci Puglia e Regione abbiamo compiuto un passo importante che sta sottolineare come i Comuni siano assolutamente propensi a promuovere le politiche di genere», commenta Ettore Caroppo, presidente di Anci Puglia. «La parità di genere – aggiunge – dovrebbe essere un dato di fatto, ma noi vogliamo dare la possibilità alle comunità di crescere e di rendere i dipendenti comunali e gli amministratori sempre più consapevoli delle leggi e delle modalità per attuare le politiche di genere», conclude Caroppo.

«Chiediamo azioni concrete, misurabili che mirino a un risultato riscontrabile e assoggettabile a monitoraggio – sottolinea la delegata Anci Puglia per le Pari opportunità, Luciana Laera -, che sono il modo migliore per passare dalla sensibilità verso le tematiche di genere all’operatività».

Le progettualità saranno realizzate nel corso del 2023. A garanzia dell’efficacia della sperimentazione, si procederà alla costituzione di una Cabina di regia regionale Parità di genere, sede di confronto ed integrazione fra i soggetti istituzionali che operano per la promozione, diffusione e garanzia delle politiche di genere.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli