Manchette
lunedì 27 Maggio 2024
Manchette
- Inread Desktop -

Melucci attacca la Regione Puglia: «Pronto soccorso tarantino senza medici»

L’amministrazione Melucci spara a zero sulla Regione sul caso delle liste d’attesa, definito senza mezzi termini «uno scandalo». «Non è più possibile continuare a far finta di niente se i tempi di attesa per le visite specialistiche e gli esami diagnostici presso le strutture sanitarie diventano sempre di più inaccettabili», dice il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, alla luce delle numerose segnalazioni di cittadini esasperati per dover fronteggiare quella che è diventata un’emergenza senza fine.

«Fino ad oggi, dotandoci di cristiana rassegnazione, abbiamo compreso di tutto: che la sanità è ingolfata da anni, che alla base dei ritardi, che definire scandalosi potrebbe risultare oltremodo riduttivo, vi è stata sicuramente un’errata programmazione; che mancano i medici e gli infermieri, che è necessario procedere ad un potenziamento dei Cup. Abbiamo capito tutto tranne una cosa, quella sì che ci sfugge: perché non si rimedia. O meglio, fino a che punto è difficile trovare una soluzione», dice il primo cittadino.

«È frustrante – prosegue Melucci – non poter dare una risposta ai tanti cittadini che per essere sottoposti ad un accertamento vitale per la loro salute sono costretti ad aspettare mesi, visto che non possono rivolgersi ai privati per mancanza di adeguata disponibilità economica. Per chi si accontenta di parziali consolazioni, va segnalato che il governo nazionale ha allo studio un piano che nel garantire la funzionalità dei servizi dovrebbe rimediare ad una situazione insostenibile. Ma nel frattempo? C’è un piano regionale che dovrebbe andare incontro all’utenza? E quali risultati sta conseguendo? In attesa di risposte illuminanti, possiamo constatare che, per adesso, il suo grado di efficacia non sta lasciando segni indelebili. Soprattutto a Taranto. Dove lo stato di criticità è ben conosciuto anche a causa di una concomitante emergenza: quella del Pronto Soccorso. In questo caso, ci viene detto che la mancanza di medici ed infermieri rende tutto più complicato. E anche questo lo capiamo. Ma se ce ne siamo accorti tutti che quello del “Ss. Annunziata” non basta -conclude Melucci – cosa sta aspettando la Regione a dotare il territorio di un altro Pronto Soccorso anche solo temporaneamente in attesa che il nuovo ospedale “San Cataldo” sia messo a disposizione della comunità? Tanto, stando a quanto viene annunciato da chi se ne intende, la sua inaugurazione dovrebbe essere imminente. Anche se anche questa circostanza sembra essere smentita dalle ultime notizie che hanno preannunciato l’ennesimo aggiornamento della data di consegna della struttura a dicembre 2024. Un ulteriore rinvio che provocherà come ovvia e preoccupante conseguenza lo slittamento (a chissà quando) dell’effettiva operatività del futuro ospedale cittadino. Un tema che, al pari delle altre questioni irrisolte in materia di sanità, potrebbe essere oggetto di un’eventuale riunione con i sindaci della provincia».

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli