Manchette
lunedì 15 Aprile 2024
Manchette
- Inread Desktop -

Travolto da un getto di ghisa nell’ex Ilva di Taranto: 3 condanne per la morte di Alessandro Morricella

Per la morte di Alessandro Morricella, operaio dell’ex Ilva originario di Martina Franca, il tribunale di Taranto ha inflitto tre condanne ad altrettanti ex dirigenti dello stabilimento siderurgico.

Morricella morì nel giugno del 2015 dopo essere stato investito da un getto di ghisa sul piano di colata dell’altoforno 2. L’operaio era lì per misurare la temperatura della ghisa.

Sono stati condannati a 6 anni di carcere Ruggiero Cola, allora direttore dello stabilimento, e a 5 anni il direttore dell’area ghisa Vito Vitale e il capo area Salvatore Rizzo. Assolti, invece, Massimo Rosini, ex direttore generale di Ilva spa (per cui erano stati chiesti 6 anni), il capo turno di Morricella, Saverio Campidoglio, e il tecnico del campo di colata, Domenico Catucci.

Tutti rispondevano di cooperazione in omicidio colposo, ma a Cola, Vitale e Rizzo, i magistrati hanno contestato l’accusa di non aver adottato «adeguate misure tecniche e organizzative, in particolare schermi protettivi o altri mezzi idonei».

Nel 2015 l’Ilva, che da gennaio era entrata in amministrazione straordinaria, era sotto la gestione commissariale.

La sentenza è stata letta oggi dalla giudice Federica Furio.

A seguito della morte di Morricella, che avvenne diversi giorni dopo al Policlinico di Bari, dove era stato trasportato, per la gravità delle ustioni riportate, l’altoforno 2 è stato sottoposto a lavori di miglioramento del piano di colata, da parte della stessa amministrazione straordinaria, per un investimento di circa 10 milioni di euro. Attualmente l’altoforno 2 è fermo.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli