Manchette
venerdì 1 Marzo 2024
Manchette

Foggia, il vicepresidente Canonico: «Troviamo i giocatori giusti»

Il Foggia è in pausa di riflessione. Si stanno valutando tutte le opzioni per disputare un girone di ritorno che consenta al Foggia di risalire la classifica e poter far parte della griglia play-off nella miglior posizione possibile. Del futuro prossimo del sodalizio rossonero ha parlato Emanuele Canonico, figlio di Nicola e vicepresidente del Foggia ai microfoni della trasmissione televisiva “Il pallone in poltrona” sull’emittente televisiva “Telefoggia”.

Canonico ha spiegato il perché del mancato ritorno a Foggia di Alexis Ferrante. «Avevamo già il video pronto dell’arrivo di Alexis, il 29 agosto. Lo ritenevo una persona affidabile, un ragazzo corretto, ma poi i fatti dicono che non mi ha risposto più al telefono per spiccioli».

Canonico poi ha analizzato la sessione invernale del mercato. «Il calciomercato invernale non è l’estivo. Hai poco tempo e nessuno ti lascia i migliori, bisogna cercare di trovare i giocatori giusti per i ruoli giusti qualora si presentasse l’occasione. Il ds e mio padre, insieme allo staff, proveranno a intervenire sul mercato facendo operazioni corrette. Dobbiamo intervenire, ma devono esserci i presupposti per farlo, dobbiamo fare anche qualche uscita».

Sull’utilizzo di Olivieri come tecnico: «Il gruppo squadra oggi chiede di rimanere con questo staff. Mister Olivieri con tanta umiltà ha accettato un ruolo pesantissimo. Il 6 gennaio in panchina ci sarà ancora lui, coadiuvato dai senatori del gruppo con in testa Antonio Vacca. Devo comunque prevedere uscite, perché ho giocatori che a me non servono a nulla».

Sulle prime voci di mercato ha invece detto: «Scambio Garattoni con Falbo e Marconi? Solo tante chiacchiere, come il discorso dei tanti allenatori accostato al Foggia, non c’è mai stato nulla di vero. Maniero? Lo rispetto, è un grande attaccante ma non ne ho mai sentito parlare. Per il momento non rientra proprio nella nostra ottica».

Infine, capitolo Beretta: «Tecnicamente ha un altro anno di contratto con noi. Deve anche pensare al suo futuro, finisce questi due anni a Foggia e se non gioca ha finito di giocare. Nel progetto tecnico non vedo come Beretta oggi possa rientrare nei piani del Foggia, ma questo spetterà al direttore sportivo deciderlo, non a me». Chisura su Frigerio: «Lo salutiamo a gennaio? Non credo, a meno che non mi diano qualcosa in cambio con cui io posso andare sul mercato, poi dovremmo trovare un sostituto di Marco.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli