Manchette
domenica 21 Luglio 2024
Manchette
- Inread Desktop -

Il Bari riparte, Mignani: «Costruiremo una squadra forte». E Di Cesare rinnova

«Siamo in costruzione, lavoriamo per allestire una squadra forte. Piano piano capiremo la nostra dimensione»: così il tecnico del Bari Michele Mignani nella conferenza stampa al San Nicola, a pochi giorni dalla partenza per il ritiro precampionato.

«I primi acquisti sono Dorval e Bosisio: una delle priorità – aggiunge l’allenatore – era ringiovanire la squadra, anche per questioni regolamentari. Il ds Polito sta lavorando su ragazzi di prospettiva che abbiamo seguito durante l’anno. Poi faremo le nostre valutazioni».

Mignani ha firmato un contratto biennale. «È stato voluto dal ds Polito. Lo ringrazio e ringrazio la società: siamo qui per un progetto a lunga scadenza», chiarisce.

Sul mercato: «Le contrattazioni sono aperte ufficialmente dal primo luglio. So bene che ci vuole tempo. L’anno scorso siamo arrivati alla prima di campionato con interventi da fare. Polito conosce meglio di me la B: con lui parlo e sa cosa ci serve. Bisogna fare le cose giuste e sbagliare il meno possibile. Per questo ci vuole un po’ più di tempo. Abbiamo 40 giorni per preparare l’esordio in campionato». Sulla prossima stagione: «Siamo felici di ripartire: c’è la voglia di fare il massimo dopo essersi goduti le vacanze post promozione. C’è entusiasmo, voglia e tanta fame. Antenucci sarà un punto di riferimento anche quest’anno. Di Cesare? Il capitano si è conquistato il rinnovo sul campo: è un giocatore bandiera e ha un valore importante nello spogliatoio».

Il capitano, protagonista della scalata del Bari dalla serie D alla B, ha rinnovato per un anno il contratto con i galletti. Finora ha collezionato 161 presenze e 14 gol tra campionato e coppa Italia.

L’allenatore infine si è soffermato sulle motivazioni che saranno alla base del prossimo torneo: «L’anno scorso avevamo l’obiettivo di vincere il torneo. Ci siamo riusciti con tutta la nostra volontà, superando difficoltà. Ci attende un torneo diverso e più difficile, con rivali di livello e blasone. Qui ci sono persone ambiziose: pensiamo di fare il meglio delle nostre possibilità. Abbiamo grandi ambizioni. Le amichevoli? Ne faremo almeno tre, per mettere in condizione la squadra nel più breve tempo possibile», conclude Mignani.

- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Inread Desktop -
- Taboola -
- Inread Mobile -
- Halfpage Desktop -
- Halfpage Mobile -

Altri articoli